Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
superbax superbax 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(39)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

 
 
Codice:1086    
 
Piace a 4 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.75
 
N. Volume:   1078
Titolo:   Canali di morte
Autore:   John E. STITH (ps. di John Edward STITH)
   Traduzione: Guido ZURLINO
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   3 Luglio 1988 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Death Tolls, 1987
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   176
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 14/09/2018-15:38:46
 
   
 

 
 
Trasformare Marte in un pianeta abitabile è da molti anni il sogno di buona parte del genere umano, e la meta che alcune grosse multinazionali si sforzano di rendere sempre più prossima. Gli interessi in gioco sono enormi, gli intrighi politici e finanziari non si contano, ma ormai i primi risultati incoraggianti sono a portata di mano. Per Dan Kettering, però, tutto questo non ha molta importanza. Ha visto morire suo fratello su Marte, e lo ha visto morire nel corso di un incredibile incidente trasmesso in diretta da una squadra di tempestivi teleoperatori. Un grosso scoop, certo, ma perfino la polizia sospetta che si sia trattato di un assassinio: il primo delitto della storia compiuto sotto gli occhi di milioni di testimoni... e forse per mano della stessa rete televisiva che ha ripreso l'accaduto. A Dan non rimane che partire per Marte, e sperare che gli indici di gradimento gli siano favorevoli.