Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
fantagufo fantagufo 
maxpullo Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(33)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa bianca (I Romanzi di..)

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:18
 
Piace a 24 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 8.52
 
N.:   18
Anni senza fine
Clifford Donald SIMAK
     Traduzione: Tom ARNO (ps. di Giorgio MONICELLI)
     Copertina: Curt CAESAR
 
Data:   20 Giugno 1953 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   City, 1952
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   160
 
Ristampato nel numero: 333 bis
 
  Ultima modifica scheda: Fantobelix 16/01/2016-10:33:21
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Questo romanzo è considerato per originalità di concezione e audacia di tecnica narrativa il capolavoro di Clifford D. Simak, l'indimenticabile autore di "Oltre l'invisibile". In "Anni senza fine" noi assistiamo al lento declino della specie umana, simboleggiata e riassunta per così dire nella dinastia della famiglia Webster, per innumerevoli generazioni, dall'anno 2.000 all'anno 20.000. Assistiamo all'abbandono da parte dell'uomo delle città divenute ormai un relitto di epoche preistoriche, di quando l'umanità dell'era neolitica aveva abbandonato il nomadismo per stanziarsi in comunità tribali a difesa dei comuni nemici. Assistiamo all'inizio della civiltà canina, con Nathaniel, il primo cane parlante, che con l'altro grande amico dell'uomo, l'automa, sintetizzato nel mistico e pensoso Jenkins, prepara il mondo di un lontano domani, quando l'uomo sarà scomparso dalla Terra. Il romanzo narra la cupa e incomprensibile civiltà delle formiche volte in silenzio alla conquista del pianeta, e il mistero dei Mutanti, la razza dei Superuomini che prenderà un giorno il volo per i pianeti dei più lontani sistemi solari e scomparirà per sempre dal nostro universo. Intravvediamo il mondo crepuscolare, spettrale di un al di là che solo i cani presentono, quando la notte ululano contro ombre e suoni che sfuggono alla percezione dell'uomo... E ci sono le pagine tragiche e grandiose del tentativo di colonizzare il mondo apocalittico che è il pianeta Giove, popolato da una razza indescrivibile, mostruosa ed estatica, nella quale alla fine l'umanità della Terra si annullerà... E poi ci sono gli automi che l'uomo ha abbandonato sulla Terra e che si emancipano tanto da costruire grandi astronavi, a bordo delle quali tenteranno la colonizzazione di quei pianeti che l'uomo non fece in tempo ad esplorare.. "Anni senza fine" non è soltanto un capolavoro di fantasia scientifica: è anche opera di poesia, soffusa di una mesta e pensosa bellezza.

IN APPENDICE Entra la morte // Rex STOUT (1ª puntata)