Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Visitatore Visitatori(33)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Costa rossa

 
 
Codice:201    
 
Piace a 6 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.70
 
N. Volume:   201
Titolo:   L'occhio nel cielo
Autore:   Philip K. DICK (ps. di Philip Kindred DICK)
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
   Disegni: Carlo JACONO
   Copertina: Luigi GARONZI
 
Data Pubbl.:   12 Aprile 1959 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Eye in the Sky, 1957
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   140 x 200
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   128
 
Ristampato nel numero: 525
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 21/04/2020-08:56:36
 
   
 

 
 
Questo romanzo ci pone una domanda: «Come sarebbe il mondo se ognuno di noi lo potesse plasmare a sua immagine e somiglianza, secondo i propri personalissimi gusti e le proprie idee altrettanto personali?». L'autore muove le fila di otto personaggi, diversi per mentalità e temperamento, e immaginando che gli otto vengano coinvolti in un pauroso incidente, che si verifica negli impianti di una grande centrale atomica, li proietta in mondi differenti. Mondi che appartengono di volta in volta a un'isterica zitella, a una matrona puritana, a un ex-mìlitare dalla mente ristretta, a un esasperato quanto falso idealista. Mondi distorti come distorte sono le menti degli individui scelti da Philip K. Dick per riassumere l'umana presunzione di creature infantili o perverse o assurde, che inconsciamente ritengono sbagliato, e odiano, tutto quanto non risponde ai loro desideri. Alla fine di questo divertente e interessante romanzo, si è portati a concludere insieme con l'autore che è molto meglio vivere da esseri imperfetti quali noi siamo in questo nostro mondo, per quanto scomodo e sgradevole e ingiusto possa sembrare.