Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(56)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Odissea Fantascienza - Delosbooks

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:38341
 
Piace a 8 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 7.29
 
N.:   1
I simulacri
Vernor VINGE
     Traduzione: Gianluigi ZUDDAS
 
Data:   Ottobre 2005 ISBN:    9788889096239
Tit.Orig.:   Cookie Monster, 2003
Note:   Premio Hugo 2004
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   120 x 200
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   128
 
 
  Ultima modifica scheda: vinmar 16/06/2012-11:27:16
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Dall'autore di Universo incostante e Quando la luce tornerà il nuovo romanzo vincitore del Premio Hugo 2004.
¬ęL'uomo √® un animale legato al tempo¬Ľ, ma nel futuro questo concetto potr√† assumere significati ben diversi da quelli che Korzybsky aveva immaginato nel suo celebre saggio.
La protagonista di questo inquietante romanzo di Vernor Vinge, con il quale l'autore ha vinto il Premio Hugo 2004, è una ragazza al primo giorno di lavoro presso una società della Silicon Valley, una ditta che produce hardware e software. Seduta davanti al computer, come molti altri neo assunti, sta esaminando le e-mail dei clienti, quando ne legge una che la induce a pensare che qualcuno vuole farle uno scherzo. Comincia così a indagare e scopre che non si tratta di uno scherzo, bensì di una drammatica verità. Infatti viene a sapere che lei, come tutti gli altri impiegati, non sono esseri umani, bensì simulazioni virtuali che lavorano, senza averne coscienza, da centinaia d'anni simulati nei circuiti dei computer, e ogni sera vengono riprogrammati. Gli scopi della società appaiono fin troppo chiari: far lavorare non già degli impiegati umani, i quali opererebbero alla normale velocità umana, bensì personaggi virtuali che possono agire all'interno del software a una velocità di milioni di volte superiore. Il drammatico sviluppo della vicenda, che si dipana con il ritmo di un mistery e di un thriller, in un primo momento farà porre a tutti delle domande che devono avere risposte, poi si volgerà alla ricerca di colui che ha orchestrato quel diabolico piano, per capire dove sono i loro corpi reali e… per vendicarsi di aver così cinicamente usato le loro personalità.