Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(39)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Libri - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:4693
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.25
 
N.:   [3]
L'occhio del purgatorio
Jacques SPITZ
     Traduzione: Eladia ROSSETTO
     Copertina: BRAMMER
 
Data:   Dicembre 1992 ISBN:    8804361042
Tit.Orig.:   L'Oeil du purgatoire, [1945] 1972
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con sovraccoperta
Tipologia:   Principali Dimensioni:   110 x 185
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   144
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 09/11/2014-07:54:27
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
La fantascienza ci ha abituato a ogni tipo di viaggio: nello spazio, nel tempo, nelle altre dimensioni. Sembrerebbe che non ci siano altri viaggi da fare, ed ecco invece questo originalissimo romanzo di Jacques Spitz introdurci al viaggio nella causalità. La causalità è il rapporto che unisce causa ed effetto; evadere da esso, trovare una "linea di fuga" che lo eviti, significherebbe veramente uscire dalla realtà. Cosi, almeno pensa Christian Dagerloff dell'Istituto Pasteur di Parigi, il deus ex machina di questa storia sorprendente. Per effettuare il viaggio nella causalità, Dagerloff alleva un parabacillo estratto dalla lepre siberiana, sostenendo la teoria che gli uomini e animali non vivono nello stesso tempo. La mosca, l'ape, la mucca, la lepre, vivendo un attimo prima dell'uomo, riescono ad anticipare leggermente le intenzioni e le mosse. Il parabacillo anticipa dunque il tempo, e inserito nel nervo ottico di una persona permette di vedere non tanto il futuro quanto il "presente invecchiato", sempre più invecchiato man mano che il bacillo prolifica. Cosi il protagonista, l'artista Jean Poldonski, può vedere le cose "nello stato in cui sarebbero diventate in seguito". Ma l'illusione di aprire le porte della quarta dimensione e sconfiggere il tempo e il preludio a una terrificante avventura, una tra le opere più brillanti prodotte dalla fantascienza europea e qui riproposta in edizione integrale.