Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
marco.kapp Vedi il profilo utente 
zecca_2000 zecca_2000 
geodgl10 geodgl10 
Visitatore Visitatori(33)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

 
 
Codice:764    
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 7 utenti
Media: 5.13
 
N. Volume:   756
Titolo:   Partenza da zero
Autore:   James WHITE
   Traduzione: Beata DELLA FRATTINA
   Copertina: Karel THOLE
 
Data Pubbl.:   27 Agosto 1978 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   Open Prison, 1964, 1965
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   144
 
RISTAMPA del numero: 355
 
  Ultima modifica scheda: bibliotecario 08/06/2020-14:12:51
 
   
 

 
 
Non tutti gli «incontri ravvicinati del terzo tipo» finiscono bene. La fantascienza prevede anche (e perché no, se si considera come sono andate le cose sulla Terra?) razze extraterrestri ostili, malevole, o semplicemente imperialiste, con le quali il solo contatto  possibile è quello delle armi. Così scoppia la grande guerra interstellare coi Bugs, creature insettiformi ad alta tecnologia. E ben presto nasce il problema dei prigionieri, che nell'uno e nell'altro campo hanno bisogno di speciali condizioni ambientali, costosissime da ricreare artificialmente. La soluzione piu pratica sarà dunque di deportarli su pianeti simili ai loro mondi d'origine, fornirli di pochi primitivi utensili, e lasciarli li a cavarsela come tanti Robinson, partendo da zero. Ma gli ufficiali hanno sempre il dovere di tentare la fuga, anche da un pianeta dove non c'è filo spinato, dove non ci sono guardie, dove la vita quotidiana assomiglia a una interminabile e nevrotica vacanza.