Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(47)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici Cofanetti - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:77036
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   1
Universo - Regola per sopravvivere - I guardiani del tempo - Progetto Quatermass
Robert Anson HEINLEIN, Richard MATHESON, Poul ANDERSON e Nigel KNEALE
 
Data:   1980 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:   Raccolta dei numeri 1-2-3-4 riprezzati
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con cofanetto
Tipologia:   Principali Dimensioni:   112 x 187
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 13/03/2014-17:08:16
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Universo
Scale, botole, oscuri passaggi, corridoi fiocamente illuminati che si allungano per chilometri, porte chiuse su locali segreti, altre porte che s'aprono
su uffici e stanze d'abitazione, improvvisi spiazzi con illuminazione più intensa dove s'incrociano correnti di traffico pedonale. Ma soprattutto scale
e corridoi, corridoi e scale, su centinaia di piani sovrapposti e senza che mai una porta, una finestra, un'apertura qualsiasi permetta di guardare
"fuori"... Ma esiste un "fuori" per chi e nato e cresciuto in questo labirintico e sbarrato Universo, di cui nessuno conosce le origini ne lo scopo? Chi
cerca di spingersi verso gli estremi piani superiori o inferiori, traversa dapprima vaste zone abbandonate, silenziose, deserte; poi e improvvisamente
aggredito e ricacciato, o divorato, da esseri mostruosi... La prima parte di questo libro usci a puntate su Urania nel 1954 col titolo "Alla deriva
nell'infinito", e fu un avvenimento memorabile nella storia del.la fantascienza. II romanzo completo fu poi pubblicato nel 1965, e non a caso, ma di
pieno diritto, apre oggi questa serie di Classici: come una delle più affascinanti, vertiginose e poetiche saghe spaziali che siano mai state scritte.

Regola per sopravvivere
A cominciare dal 1950, quando la sua firma comparve per la prima volta sul "Magazine of Fantasy and SF", l'attività di Matheson come autore
fantascientifico è durata poco più di un decennio. In questi dieci anni Matheson ha arricchito la SF americana, oltre che di romanzi (lo sono Helen
Driscoll, Urania 206; Tre millimetri al giorno, Urania 277) di una quarantina di racconti , che sono tra i più perfetti, entusiasmanti, memorabili del
genere. Ma forse perchè ha badato soltanto a raccontare, senza pontificare in congressi e adulare il pubblico, incensare i critici, glorificare a ogni
passo i meriti della fantascienza - nessuno gli ha detto grazie. Risultato, ha smesso di scrivere in proprio e s'è messo a lavorare per il cinema. Ma
non tutti i mali vengono per nuocere: chi ha visto "Duel", forse il più straordinario film americano di questi ultimi anni, avrà forse notato che
soggetto, dialoghi, sceneggiatura, sono di Richard Matheson.

I guardiani del tempo
Inventata da H.G. Wells nel 1895, la macchina del tempo e uno dei più suggestivi e più diffusi mezzi di locomozione della fantascienza. Non c'e
scrittore che non l'abbia sperimentata almeno una volta, non c'e lettore che sia rimasto insensibile al miraggio di percorrere avanti e indietro la
Storia per vedere come andarono o come andranno veramente le cose. Su questo tema affascinante la "variazione" di Poul Anderson è una delle piu
riuscite. Il suo viaggiatore, Manse Everard, agente di una specialissima cronopolizia, tiene sotto controllo il Tempo che è di continuo minacciato da
criminali, avventurieri, affaristi, mestatori politici, ormai in grado, sulle loro macchine personali, di modificare il passato a loro vantaggio. Ecco
un complotto per far trionfare i Cartaginesi sui Romani; ecco i Mongoli che, contro ogni logica, scoprono I'America; ecco una abusiva sostituzione di
Ciro il Grande che può provocare immani ripercussioni nei secoli a venire. Everard e i suoi colleghi cronodetectives cavalcano i millenni a raddrizzare,
eliminare, riequilibrare, correggere, distruggere dovunque sia necessario, a salvaguardia del mondo com'è stato e come sarà, in una vorticosa girandola
di paradossi, sorprese, colpi di mano e di scena, che non lascia certamente il tempo che trova.

Progetto Quatermass
Inquadratura di un'auto ferma con i fari accesi in una buia strada di campagna... Alla luce dei fari, primo piano di un cartello indicatore spezzato, ma
dove ancora si legge il nome della località: Winnerden Fl... Sul fondo, dietro alti reticolati, vaghe sagome di serbatoi e nere tubature... E' questo lo
stile descrittivo di Progetto Quatermass e il lettore non se ne meraviglierà. Le sceneggiature cinematografiche sono ormai diventate un genere
letterario alla moda, e non c'è regista rispettabile che non pubblichi le sue, leggibili o meno che siano. Ma la fantascienza non ha aspettato questa
moda per fornirci i testi dei suoi più memorabili film e perfino di quella sensazionale, classica riduzione della Guerra dei Mondi che Orson Welles
diresse alla radio nel 1938. Non meno classici e non meno sensazionali sono i testi della serie Quatermass di Nigel Kneale, trasmessi dalla BBC verso la
fine degli anni '50 e poi passati dalla TV al grande schermo. Eccone dunque il più celebre per la prima volta in volume dopo la sua pubblicazione a
puntate su Urania nel 1962.