Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(47)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici Cofanetti - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:77038
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   3
Oltre l'invisibile - Quatermass e il pozzo - Mai toccato da mani umane - Gomorra e dintorni
Clifford Donald SIMAK, Nigel KNEALE, Robert SHECKLEY e Thomas Michael DISCH
 
Data:   1980 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:   Raccolta dei numeri 9-10-11-12 riprezzati
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con cofanetto
Tipologia:   Principali Dimensioni:   112 x 187
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 13/03/2014-17:09:50
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Oltre l'invisibile
In riva a un fiume, su Aldebaran XII, c'è un'astronave schiantata. Intorno giacciono i cadaveri semicarbonizzati di cinque uomini. Ma non si tratta di
un incidente; e tra i cinque «umani» c'è una leggera differenza: tre sono uomini mentre gli altri due, distinti soltanto da un segno sulla fronte, «non
sono che androidi». Di qui prende I'avvio questo classico che è uno dei primi e resta uno dei più impegnati romanzi di Simak: un autore che si sarebbe
tentati di definire «umanitario» se tutte le sue opere non fossero dirette precisamente a superare quanto c'è di retorico e di ottocentesco, di
limitato, di arretratamente antropocentrico, in ciò che comunemente s'intende per «umanitarismo».

Quatermass e il pozzo
Primo piano di targhe stradali, sull'angolo di una casa in demolizione. Dietro una palizzata, bracci di gru in movimento. Stacco sul punto più profondo
dello scavo, dove alcuni uomini lavorano con pale e picconi. Poi braccio di una gru che ruota fin sopra il cassone di un camion in attesa... Il
camionista sorveglia l'operazione fumando una sigaretta. D'un tratto sbarra gli occhi, butta via la sigaretta e si arrampica sull'automezzo fissando il
mucchio di terra scaricato dalla gru. CAMIONISTA (grida, voltandosi agli uomini nello scavo): "Ehi! Venite qui! Presto!..." Cosi comincia il secondo,
memorabile film della serie QUATERMASS, di cui presentiamo in questi Classici per la prima volta in volume le sceneggiature integrali. Ed ecco come si
avvia alla fantasmagorica conclusione: "Panoramica su Londra. Rombo di un aereo che precipita, poi eco dello schianto. Si vede un edificio in fiamme. La
facciata crolla. Un'altra strada, un altro incendio. Carrello avanti fino a inquadrare gli scavi..." Sceneggiature? Tecnicamente si. Ma nel caso di
Kneale anche una tecnica romanzesca rarissima, affascinante, da fare invidia al più abile dei narratori di mestiere.

Mai toccato da mani umane
"L'Abito Protex è fornito di tasca a molla, una importantissima conquista nel campo della protezione personale: una lieve pressione sul bottone
invisibile e avrete in mano la rivoltella, pallottola in canna, sicura alzata. Richiedetelo oggi stesso al più vicino concessionario Protex...". "Norme
per I'uso dell'alienometro JM-14. La Cahill &  Thomas Manufacturing Co., dopo anni di esperienze, vi presenta il suo nuovo alienometro. Elegante e di
poco ingombro, questo moderno apparecchio..." Questi annunci pubblicitari aprono i due racconti forse più famosi e sconvolgenti di tutta la
fantascienza: "La Settima Vittima" (da cui il film) e "L'Accademia". La loro pubblicazione su URANIA, insieme agli altri di questa antologia, risale a
quindici anni fa. Ma oggi il loro tragico, terrificante impatto è aumentato a un punto tale, che anche chi li avesse letti allora deve assolutamente
rileggerli e meditarli riga per riga. Non parliamo poi di chi non li avesse letti mai.

Gomorra e dintorni
Neanche la fantascienza può rivaleggiare con la Bibbia nel dipingere crolli, catastrofi, finimondi. Dal Diluvio all'Apocalisse, da Sodoma e Gomorra alle
Piaghe d'Egitto, ogni volta che qualcuno ha tentato di ricalcare «dal di fuori» un disastro testamentario, il risultato è stato necessariamente povero e
schematico, insignificante in confronto al modello. Per questo Thomas Disch, da scrittore vero, ha seguito la strada opposta, affidandosi anzitutto alla
forza dello stile e alla potenza delle immagini per restituirci, man mano che il romanzo si sviluppa, qualcosa della grandiosità dell'episodio biblico a
cui il romanzo stesso s'ispira. E per questo risulterà tanto più convincente, suggestivo, «reale», L'inaspettato parallelismo finale con la profezia di
Geremia che comincia: «Il tempo del raccolto è passato, l'estate è finita, e...»