Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(41)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici Cofanetti - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:77041
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   6
Il risveglio dell'abisso - Crociera nell'infinito - Gorilla sapiens - L'uomo che vedeva gli atomi
John WYNDHAM, Alfred Elton VAN VOGT, Lyon Sprague De Camp, Peter Schuyler MILLER e Murray LEINSTER (ps. di William Fitzgerald JENKINS)
 
Data:   1981 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:   Raccolta dei numeri 21-22-23-24 riprezzati
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con cofanetto
Tipologia:   Principali Dimensioni:   112 x 187
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 13/03/2014-17:11:49
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Il risveglio dell'abisso
John Wyndham, insuperato cronista di invasioni, può essere considerato l'Alfred Hitchcock dell'orrore planetario. Allo stesso modo del famoso cineasta,
egli gioca sui piccoli particolari quotidiani, sui personaggi più o meno comuni, sulla impercettibile crescita della temperatura angosciosa. Garbo,
umorismo, scetticismo, sono tutti elementi che contribuiscono a centuplicare l'effetto di sconvolgimento quando infine il mistero si svela, la
spaventevole verità appare, il mostro entra in scena, e l'umanità si accorge di essere a un passo dalla perdizione.

Crociera nell'infinito
Come Isaac Asimov modellò la sua "trilogia galattica" sulla Decadenza e caduta dell'Impero romano di Gibbon, così A.E. Van Vogt si è ispirato per questa
sua crociera classica nell'infinito a un altro illustre precedente, la famosa relazione che Charles Darwin pubblicò al ritorno della nave Beagle dal
viaggio intorno al mondo. Come il veliero del grande naturalista, l'astronave Argus 6 infatti incaricata di esplorare pianeti e galassie lontanissime ed
ha a bordo un nutrito e litigioso gruppo di scienziati. Gli enigmi, le sorprese, i pericoli che essi incontrano sulle rotte cosmiche e le strabilianti
osservazioni e dati che via via raccolgono sulla vita extraterrestre danno vita a una narrazione di lucido rigore scientifico unito a un avvincente
senso d'avventura e di meraviglia.

Gorilla sapiens
Il senso di disagio e di vaga inquietudine, se non addirittura di irritazione, che quasi tutti proviamo guardando nelle gabbie dei giardini zoologici le
grandi scimmie antropomorfe - gorilla, scimpanzè, orangutan - ha probabilmente ispirato questa classica "avventura nel tempo" che vede un gruppo di
esseri umani sperduti in una società completamente "scimmiesca". Ma se lo spirito del romanzo e le peripezie dei suoi protagonisti sembrano appartenere
al genere avventuroso, il loro significato è in realtà di bruciante satira, e a spese non del gorilla, ma dell'Homo Sapiens.

L'uomo che vedeva gli atomi
"Oggi" dicono "un uomo isolato, uno che lavori per conto suo, non può fare niente di buono specialmente nel campo della scienza e della tecnica." Sarà
vero. Ma può anche essere un trito, malinconico luogo comune; e questo felice romanzo di Murray Leinster provvede a smentirlo una volta per tutte. Il
garagista e meccanico Bud Gregory infatti lavora solo quando ne ha voglia e strettamente per conto suo. Ma tutta la scienza ufficiale e organizzata
degli U.S.A. dovrà correre da lui, col cappello in mano, a pregarlo di fare qualcosa per scongiurare le mortali minacce che si stanno addensando sulla
Terra. "Fai qualcosa" dicono "Bud!!" E Bud vedrà quello che si potrà fare.