Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Zia Marisa Zia Marisa 
Visitatore Visitatori(49)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici Cofanetti - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:77042
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   7
Gli strani suicidi di Bartlesville - Le porte dell'oceano - Prigioniero del silenzio - La pista dell
Fredric BROWN, Arthur Charles CLARKE, Rex GORDON e Roger ZELAZNY
 
Data:   1981 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:   Raccolta dei numeri 25-26-27-28 riprezzati
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con cofanetto
Tipologia:   Principali Dimensioni:   112 x 187
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 13/03/2014-17:12:26
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Gli strani suicidi di Bartlesville
A che cosa e dovuta l'agghiacciante epidemia di suicidi che tiene in una stretta di terrore un tranquillo villaggio americano? Lo sceriffo non ne ha
idea ma il lettore potrà identificarsi fin dal principio col mostruoso individuo (individuo?) che ne è l'oscuro responsabile. E potrà spiare con i suoi
occhi (i suoi occhi?) le due singolari (singolari?) creature che si stanno avvicinando: "Erano due, una leggermente più grossa dell'altra, ma tutte e
due di una certa grandezza. Erano evidentemente di una razza intelligente, dato che tutte e due portavano indumenti e solo le razze intelligenti, a un
certo punto del loro sviluppo, portano indumenti. Camminavano eretti e avevano due gambe e due braccia. E anche due mani..."

Le porte dell'oceano
Per diversi anni Arthur C. Clarke ha vissuto a Ceylon, dedicandosi interamente allo studio del mondo sottomarino. Come Asimov, Arthur C. Clarke è un
eccezionale divulgatore scientifico, sempre attento a mantenere anche nelle sue opere narrative un fondo di scrupolosa verosimiglianza. In questo
romanzo, ancora una volta la sua passione di scienziato si combina felicemente con il suo talento di narratore per guidarci attraverso le meraviglie, le
insidie, i terrori, di quello che è, in fondo, il nostro più vicino "pianeta sconosciuto": il mare.

Prigioniero del silenzio
Nessuno ha mai osato sostenere che "Robinson Crusoe" (o più precisamente: "La Vita e le Strane, Sorprendenti Avventure di Robinson Crusoe di York,
Marinaio, che visse Ventotto Anni completamente solo in un'Isola disabitata presso la Costa dell'America e la Foce del Gran Fiume Orinoco, essendo stato
gettato a Riva in un Naufragio nel quale tutti perirono salvo lui stesso") sia un romanzo di fantascienza. Eppure lo spirito è quello, lo stile è
quello, ed è innegabile il suo influsso su opere di "precursori" come Poe, Verne, Wells. A queste opere, nel 1956 se ne aggiunse un'altra che nel titolo
dell'edizione inglese (No Man Friday, "Nessun uomo chiamato Venerdi") rivelava la sua discendenza da Defoe, mentre in quello dell'edizione americana
(First on Mars, "Primo su Marte") riconosceva il suo debito verso Wells e i "Primi uomini nella Luna". Forse il sospetto che si trattasse di
un'imitazione, di un pastiche, nocque al libro, che nei paesi anglosassoni non ebbe alcun particolare successo; per cui nell'edizione italiana ebbe un
terzo titolo, col quale oggi lo ripubblichiamo. Ma nel frattempo, anche all'estero, questo "Prigioniero del silenzio" è stato riconosciuto per quello
che è: un romanzo perfetto, un'opera assolutamente originale, un "classico" di pieno diritto.

La pista dell'orrore
L'epoca western dei carri coperti e delle diligenze, i leggendari viaggi del Pony Express "da costa a costa", rivivono in questa classica traversata da
"dopo bomba". In un'America geologicamente sconvolta, butterata da immensi crateri e da invalicabili spaccature, corrosa dalle radiazioni, percorsa da
cicloni e tempeste magnetiche e invasa da una fauna mostruosa, una colonna di veicoli corazzati si avvia sulla lunga terribile pista dal Pacifico
all'Atlantico.