Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Visitatore Visitatori(45)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Classici Cofanetti - Mondadori

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:77047
 
Piace a 0 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 0.00
 
N.:   12
Io sono Helen Driscoll - Il grande contagio - Le fantastorie del Brigadiere - I mercanti dello spazi
Richard MATHESON, Charles Eric MAINE, Sterling E. LANIER e Frederik Pohl e Cyril Michael KORNBLUTH
 
Data:   1982 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:  
Note:   Raccolta dei numeri 45-46-47-48 riprezzati
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura con cofanetto
Tipologia:   Principali Dimensioni:   112 x 187
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:  
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 13/03/2014-17:14:19
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Io sono Helen Driscoll
Richard Matheson è uno dei più "grandi esploratori" della fantascienza, di cui ha percorso, senza mai ripetersi, tutti i campi possibili. Le sue storie
sempre memorabili hanno affrontato ogni volta un tema diverso: dal falso robot di "Acciaio" al povero mostro di "Nato d'uomo e di donna" ai terrificanti
infra-terrestri di "Su dai Canali": dalla quarta dimensione di "Bambina perduta" e dalla satira sessuale di "Fenomeno culturale" alla tragedia atomica
di "Regola per sopravvivere" e alla spietata, raccapricciante sociologia dell'"Esame"; dai fenomeni di veggenza dell'"Uomo delle domeniche" al Duello
tra auto e camion dell'omonimo capolavoro del regista Spielberg. In questo, che è uno dei suoi rari romanzi "lunghi", egli ci dà un'altra prova del suo
genio per le evocazioni inquietanti, angosciose, e tuttavia sempre calate nella realtà del nostro tempo.

Il grande contagio
Come i trifidi di Wyndham, questo inarrestabile contagio di Maine è uno dei classici del naturalismo fantascientifico inglese: una di quelle magistrali
e paurose cronache dove tutto è quotidiano, riconoscibile, vero, anche se fin dall'inizio entra in scena un elemento imprevisto che sconvolge la vita di
tutti e finisce per gettare la società nell'anarchia più completa e selvaggia riducendo uomini e donne a bestie impazzite dal terrore che lottano per
sopravvivere.

Le fantastorie del Brigadiere
L'antica istituzione anglosassone del club ha dato vita a un'altra istituzione altrettanto solida: il narratore di club, ossia il socio che accanto al
camino, con un bicchiere di Porto in mano, racconta le sue avventure di caccia e di guerra. Questa cornice, che è poi la stessa del Decamerone e che e
stata utilizzata da innumerevoli scrittori in ogni paese e in ogni secolo, viene qui felicemente ripresa per introdurre i lettori-ascoltatori nelle
pieghe ambigue e agghiaccianti del soprannaturale. Il brigadiere Ffellowes (nell'esercito inglese il grado e una via di mezzo fra colonnello e
generale), ex ulficiale del Servizio Segreto di Sua Maestà Britannica, ha molto viaggiato e molto visto. Ma la sua voce tranquilla, il suo stile pacato,
non sono che un espediente per meglio terrorizzare l'auditorio: i suoi strani incontri, le sue misteriose "conoscenze", i foschi enigmi da lui
disseppelliti nei quattro angoli del mondo, costituiscono una delle più belle raccolte del genere dopo i Racconti Straordinari di E. A. Poe.

I mercanti dello spazio
Quando questo romanzo fu scritto, nel 1962, la maggior parte degli italiani "abbienti" andava in giro in 600 o in scooter, e dei supermarket si parlava
come di una novità sospetta. Oggi, che siamo passati anche noi per il grande carnevale consumistico, di cui anzi le luci cominciano qua e la ad
affievolirsi, le grottesche anticipazioni di Pohl e Kornbluth acquistano, col senno di poi, un valore veramente classico. La forza del libro sta senza
dubbio nella sua incalzante vivacità di ritmo e di ricchezza di sorprese; ma più ancora nell'aver evitato le facili prediche, le invettive, i vacui
moralismi. Pohl e Kornbluth - è questa la loro geniale intuizione satirica - non gridano "al lupo!" ma cedono la parola al lupo stesso, cioè a Mitchell
Courtenay, alto funzionario di un'onnipotente agenzia pubblicitaria, contentissimo di sè, del suo lavoro, della sua vita, perfettamente integrato nel
"sistema". E stanno a vedere quello che gli succede.