Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Vecchio47 Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
massimo massimo 
zecca_2000 zecca_2000 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Visitatore Visitatori(22)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania - Mondadori - Bianchi cerchio rosso

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:1090    
 
Piace a 3 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.50
 
N. Volume:   1082
Titolo:   Passi nel tempo
Autore:   Arkadi STRUGATSKI e Boris STRUGATSKI
   Traduzione: Guido ZURLINO
   Copertina: Vicente SEGRELLES
 
Data Pubbl.:   28 Agosto 1988 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   The Time Wanderers, 1986
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   130 x 190
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   144
 
 
  Ultima modifica scheda: victory 12/02/2014-20:10:53
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
Finalmente il genere umano vive in pace con se stesso e non ha nulla da rimproverare ai suoi vicini alieni nell'universo. ├ł la pace, forse l'inizio di un nuovo millennio per l'intera umanit├á. Ma per Max Kammerer, direttore del COMCON-2, il sistema di sicurezza mondiale, i guai stanno per iniziare. All'interno del COMCON opera l'Ufficio Eventi Insoliti, e uno dei suoi migliori agenti, Tolvo Glumov, dopo l'inaspettata comparsa di creature mostruose ma innocue in una tranquilla cittadina russa, si ├Ę convinto che l'uomo sia vittima dei leggendari Vagabondi del Tempo, una razza misteriosa che ha il vezzo di impicciarsi della storia (passata e futura) di altre raze. Ma Glumov scompare, e questo mistero viene aggravato dal sospetto che lo stesso agente fosse, volente o nolente, una pedina nelle mani dei subdoli Vagabondi del Tempo. A Max Kammerer non resta che scendere in campo di persona.