Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
robdimo Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
miky1 miky1 Amico di Urania Mania
mishita mishita 
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
Torakikiii Torakikiii 
Visitatore Visitatori(40)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:

Numero:        
Titolo:        
Tit.Orig.:        
Autore:        
Editore:        
Trama:        
Relazione:

 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
 

Urania Collezione - Mondadori - Serie cerchio grigio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:111869
 
Piace a 5 utenti
Non piace a 1 utente
Media: 6.75
 
N.:   163
Marziani, andate a casa!
Fredric BROWN
     Traduzione: Salvatore PROIETTI
     Copertina: Franco BRAMBILLA
 
Data:   Agosto 2016 ISBN:    non presente
Tit.Orig.:   Martians, Go Home, 1954
Note:  
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Romanzo  Nr pagg.:   210
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 10/08/2016-12:46:32
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
MARZIANI, ANDATE A CASA! (1955)   La più famosa invasione dei marziani, dopo quelle di H.G. Wells e Orson Welles, si scatena per colpa dello scrittore Luke Devereaux. Non ci sono state avvisaglie del pericolo e nemmeno sospetti: l’anno è cominciato bene, Devereaux non è più squilibrato del solito e all’inizio l’invasione non preoccupa nessuno. Ma la presenza di una sconfinata legione di “vicini di casa” verdastri, piccoli come gnomi, curiosi e dispettosi, capaci di infilarsi dappertutto e di spiare giorno e notte, in casa e al bar, al bagno e in ufficio, fa presto esplodere la paranoia. Il vittimismo. La schizofrenia. La Terra – Luke Devereaux compreso – è in balia dell’Invasione Immaginaria, la più subdola e pericolosa. Un classico sempreverde… ops!