Area Sito

 
Urania

Cambia Area DB:

» HELP HomePage «
» Forum
» Cerca
 
  

Database

 
» Database Collane UM
» Autori
» Novità
» Wanted !!!
» Scambio/Vendita
» La Compagnia del Ciclo
» Giudizi/Commenti
» Libreria Virtuale
 
  

Utenti OnLine

 
Lucky Vedi il profilo utente Amico di Urania Mania
Mr.Chicago Vedi il profilo utente 
pajarovejo pajarovejo 
Visitatore Visitatori(19)
 
  

Classifiche

 


 
  

URANIA Mondadori

 

 
  

Le figlie di URANIA

 

 
  

Ricerca Libri

 
Inserisci i dati:
Numero:
Titolo:
Tit.Orig.:
Autore:
Editore:
Trama:
Relazione:
 
  

Links Urania

 

 
  

Contatti

 
Amici di UraniaMania
Lo Staff di
Urania Mania
 
  
Copia Scheda
 

Vai in fondo alla pagina
 
 

Copia Trama
Copia Indice

 
   
 

Urania Collezione - Mondadori - Serie cerchio grigio

Vai in fondo alla pagina
 
 
Codice:153153
 
Piace a 2 utenti
Non piace a 0 utenti
Media: 6.25
 
N. Volume:   196
Titolo:   Guerra al grande nulla
Autore:   James BLISH
   Traduzione: Giorgio SEVERI
   Copertina: Franco BRAMBILLA
 
Data Pubbl.:   1 Maggio 2019 ISBN:    non presente
Titolo Orig.:   A Case of Conscience, 1958, 1986
Note:   All'interno, il racconto "Spettro di libertà" di Luca Gialleonardo
 
Genere:   Libri->Fantascienza
 
Categoria:   FANTASTICO Rilegatura:   Brossura
Tipologia:   Principali Dimensioni:   125 x 195
Contenuto:   Romanzo  N. pagine:   208
 
 
  Ultima modifica scheda: Lucky 11/05/2019-16:25:52
 
   
 

Vai in fondo alla pagina
 
 
GUERRA AL GRANDE NULLA (1958)  "Siamo in presenza di un pianeta e di una popolazione sostenuti dal supremo nemico. E' un'immensa trappola tesa a tutti noi, a tutti gli uomini della Terra e fuori dalla Terra. La sola cosa che possiamo fare è respingerla, la sola cosa che possiamo dire è: vade retro, Satana."Sono le parole di padre Ruiz-Sanchez, un gesuita ma anche uno scienziato e un esploratore spaziale, giunto sul pianeta Lithia con una promessa di pace, ma che ben presto si accorge di come i suoi abitanti, apparentemente fin troppo docili, perfetti, razionali, siano ciò che di più vicino al Demonio abbia mai visto. Come scrivevano Fruttero e Lucentini: "Stimolante, audace, originale come certe utopie di Sheckley, questo thriller teologico ha rinnovato il tema tradizionale dei nostri rapporti con gli extraterrestri, ed è ormai considerato a buon diritto un testo fondamentale della sf moderna".